CONTRATTO DI LEASING: ATTENZIONE ALLE IRREGOLARITÀ – Lc Consulting

CONTRATTO DI LEASING: ATTENZIONE ALLE IRREGOLARITÀ

contratto-di-leasing

CONTRATTO DI LEASING: ATTENZIONE ALLE IRREGOLARITÀ

CONTRATTO DI LEASING: QUALI RISCHI SI CORRONO?

Il contratto di leasing rappresenta una delle forme di finanziamento più diffuse tra le aziende e non è raro che, dietro tale contratto, si nascondano irregolarità sotto il profilo legale e finanziario – tassi usurari, pubblicità ingannevole, clausole di indicizzazione capestro, irregolarità nell’indicazione del tasso leasing -.

A riguardo si segnala una recente pronuncia – Cfr. Corte di Appello di Torino, sentenza n. 699/2018 del 16 aprile 2018 – che ha stabilito che se nel leasing viene applicato un tasso leasing – tasso interno di attualizzazione – maggiore di quello indicato nel contratto, troverà piena applicazione l’art. 117 TUB che contempla gli interessi sostitutivi BOT. È, infatti, prassi diffusa da parte delle Banche quella di indicare, in tale tipologia di contratti, il Tasso Leasing in termini di tasso nominale (TAN), in luogo del tasso effettivo.

Per la Banca d’Italia, il tasso leasing è per definizione “il tasso interno di attualizzazione cioè il tasso per il quale si verifica l’uguaglianza fra costo di acquisto del bene locato – al netto di imposte – e valore attuale dei canoni e del prezzo dell’opzione di acquisto finale – al netto di imposte – contrattualmente previsti”.

Come riconoscere se un contratto di leasing nasconde insidie?

In buona sostanza, il tasso leasing è il tasso di interesse annuale che si applica annualmente e che serve a determinare il piano di ammortamento del finanziamento ovvero il costo complessivo del finanziamento. Esso varia in base alla periodicità dei canoni ed aumenta al crescere delle scadenze periodiche infra-annuali.

Se un contratto di leasing riporta un tasso leasing inferiore a quello reale, si fornisce una informazione alterata e distorta al cliente, in quanto sta sottoscrivendo nella realtà un contratto con un tasso più alto rispetto a quello indicato. La sentenza innanzi richiamata discorre di violazione dell’art. 117 TUB.

In casi come questo è sempre raccomandabile, avvalersi del check up del contratto. Lo staff della L.C. Consulting offre il servizio di check up gratuito e non vincolante al fine di verificare la presenza di irregolarità nel contratto e l’ammontare degli interessi contestabili.

Scrivici per maggiori informazioni all’indirizzo info@lconsultingsrl.com o chiamaci allo 0824/312705.

Articoli correlati

usura-leasing

INTERESSI PAGATI IN ECCESSO: COME SI VERIFICA LA PRESENZA DI USURA NEI CONTRATTI DI LEASING

Tra le altre irregolarità di tipo legale e finanziario che possono nascondersi dietro un contratto di leasing, sicuramente l’usura rappresenta quella più insidiosa e minacciosa. Tale problematica si riscontra laddove il tasso applicato sia superiore al tasso soglia della categoria di riferimento e ciò avviene in spregio a quanto stabilito dalla normativa antiusura...

Continua

Commenta